Crea sito

Saw: Legacy – Recensione, il ritorno dell’enigmista

      ottobre 27, 2017     Film, Horror, Recensione, Senza categoria     

L’ottavo capitolo della saga dell’Enigmista arriverà nelle sale italiane il 31 ottobre, distribuito da Eagle Pictures in occasione di Halloween.

Immagine correlata

Giunta al suo ottavo episodio, la saga di Saw torna al cinema con un nuovo, inquietante capitolo fra tradizione e innovazione. La sanguinaria epopea ideata da James Wan nel 2004 si prepara così ad un violento ritorno sul grande schermo, con una pellicola pronta a sconvolgere nuovamente lo spettatore nella notte più spaventosa dell’anno.

Dietro la macchina da presa i fratelli Spierig, che hanno scritto e diretto alcuni degli horror e thriller più interessanti degli ultimi anni: Undead (2003), Daybreakers – L’ultimo vampiro (2009), e Predestination (2014).


SINOSSI:

Dopo una serie di omicidi che portano il marchio di Jigsaw, le forze dell’ordine si trovano a dare la caccia ad un uomo che credevano morto da più di dieci anni, intrappolati in un nuovo gioco che è solo all’inizio. John Kramer è veramente tornato o è solo un inganno?


Dopo ben sette anni dall’ultimo capitolo (Saw 3D) ritorna Jigsaw. Quando tutti i pezzi del puzzle sembravano essere al proprio posto ecco spuntare un nuovo gioco ancora più sadico che sembra rimandare proprio a John Kramer, nonostante avessimo già assistito alla sua morte e alla sua autopsia.

L’ottavo (e forse l’ultimo) capitolo di Saw segue, ovviamente, la struttura dei film precedenti, da un lato troviamo le solite indagini utili per scovare il colpevole e dall’altro il lungo percorso di torture che lo stesso Jigsaw ha inventato per poi finire con un gran finale. Il film è cosparso di plot twist, i famosi colpi di scena che offrono quel tocco in più alla pellicola. L’unica pecca forse la scarsa presenza di scene splatter a cui la saga ci aveva abituati durante il corso dei capitoli.

Risultati immagini per saw legacy recensione

Un’altra delle pecche del film riguarda la questione dei personaggi: le vittime coinvolte nel gioco delle torture sono anonime e sconosciute, se nei primi capitoli sapevamo quasi tutto di loro e del loro passato, in questo capitolo sappiamo ben poco e questo rende davvero difficile affezionarsi a loro. Un punto a favore invece sono i continui salti temporali così intrecciati da ribaltare totalmente il finale.

In conclusione se siete amanti del genere e in particolare avete apprezzato l’intera saga di Saw allora non potete non guardare questo film anche perchè non ha un ritmo soporifero, lo splatter, seppur poco c’è, e non annoia mai. Però non alzate troppo le aspettative e non aspettatevi un film pari ai primi.

Voto: 7/10

Ecco anche il trailer:


Metti mi piace alla pagina facebook: Crazy for TV Series, Horror House

Commenta con Facebook!

commenti

error: