Once Upon A Time 6: anticipazioni su Emma e i nuovi Temi della Stagione

Il destino di Emma è legato alla sua morte?
Questo almeno è quanto si intuisce dalle visioni ricorrenti accompagnate da un tremore alla mano di Swan cominciate nella premiere della sesta stagione di Once Upon A Time dove una misteriosa figura incappucciata trafigge la Salvatrice con una spada.

Al New York Comic-Con di ieri, Jennifer Morrison e i produttori esecutivi del dramma ABC, Adam Horowitz e Edward Kitsis hanno parlato del lungo percorso di Emma alla luce di questa recente scoperta.

“È quasi come il PTSD nel senso di passare da essere una persona normale al ritrovarsi in queste situazioni di vita o di morte tutto il tempo e non avere mai il tempo di trattare con ciò o di avere una giornata normale dice Morrison.
Credo che lei perderà un po’ il controllo nel cercare di capire come trovare se stessa e chi è veramente”.

Emma non sarà l’unica che cercherà di trovare la sua strada… “Questo è uno dei temi che cominceremo a esplorare in questo episodio e in questa stagione: cos’è normale?” dice Horowitz in riferimento alla puntata incentrata su Cinderella che oltreoceano andrà in onda domani sera. “Questi personaggi [dalla Terra delle storie non raccontate] hanno bisogno di un modo per farsi una vita, una vita normale, equesta è una delle sfide, perché si tratta pur sempre di persone nonostante il loro essere delle fate, dei draghi e cose del genere”.

Ma nonostante tutto quello che Emma ha passato, Horowitz osserva che Swan è sempre rimasta forte. “La vita non è sempre facile, e la cosa che amo più di Emma è che non importa cosa succede, lei è perseverante” dice lui. “Continuiamo a metterla di fronte a degli ostacoli e lei continua a oltrepassarli ed è tipo ciò che ci piace fare”.

Il suo prossimo ostacolo sarà cosa accadrà quando Hook alla fine scoprirà la verità sul suo destino. “La cosa che amiamo di Hook e Emma è mostrare la vera relazione” dice Kitsis. “Tutti noi sappiamo che al momento lei gli nasconde qualcosa e la cosa che ci interessa esplorare con loro è come affrontano le cose vere della vita in un modo reale. Li abbiamo visti far fronte alle cose fantastiche, ma per quanto riguarda le relazioni continueremo a vedere come si sviluppa la cosa per un altro po’”.

È come qualsiasi cosa con questa serie: un lieto fine non è un punto d’arrivo, è la continuazione del processo e ci sono nuove sfide lungo la strada ha aggiunto Horowitz.

Per quanto riguarda la presenza di Evil Queen a Storybrooke, “ora Emma non deve combatterla da sola, lei ha Regina al suo fianco. Per noi è la crescita della loro amicizia e in uno strano modo, Regina sembra vicina a Snow, anche se ha cercato di ucciderla”. Horowitz aggiunge: “il rapporto tra Regina e Snow è complicato – c’è molto da sistemare”.

Adesso la domanda rimane: chi è la persona sotto il cappuccio che uccide (sembra) Emma? Lo scopriremo prima di quanto pensiamo. “Continuare a guardare, c’è più di Oracle in arrivo” afferma Kitsis. “Avrete la risposta prima di Natale” conclude Horowitz.  

Commenta con Facebook!

commenti