I 20 film più vietati al mondo

Vediamo quali sono questi 20 film proibiti e perché.

Dorlita in the Passion Dance (1894)

Dorlita in the Passion Dance (1894) potrebbe essere stato il primo film ad essere vietato negli Stati Uniti. E’ stato bandito nel New Jersey dopo che ha cominciato ad apparire nei peepshows e nei locali di burlesque.


Baby Doll – La bambola viva (1956)

E’ stato dichiarato “gravemente offensivo ai tradizionali standard di moralità e di decenza”. Il suo contenuto sessualmente allusivo lo fece vietare in Svezia.


Arancia Meccanica (1971)

E’ l’unico film in questa lista ad essere vietato dal suo creatore, Stanley Kubrick ha chiesto infatti il ritiro della pellicola dalle sale nel 1972 dopo che la sua famiglia fu minacciata da diverse lettere. Nel 1999, 27 anni dopo l’uscita, e dopo la morte di Kubrick, il film ha cominciato ad apparire di nuovo sulla TV britannica.


Fenicotteri rosa (1972)

Fenicotteri rosa (Pink Flamingos) di John Waters è stato vietato in Australia, Norvegia e Nuova Scozia fino al 1997, 25 anni dopo la sua uscita. Tutto questo non ha fermato John Waters dal continuare la sua difesa della libertà di espressione in film successivi come A Dirty Shame (2004).


La vera gola profonda (1972)

Nonostante fosse vietato in oltre 23 stati, divenne presto un fenomeno culturale.


Ultimo tango a Parigi (1972)

Ultimo tango a Parigi (1972), diretto da Bernardo Bertolucci, è stato vietato in Spagna, in Canada e in Italia. I tribunali italiani hanno condannato Bertolucci a quattro mesi di carcere (pena poi sospesa) per “offesa al comune senso del pudore”.


L’Esorcista (1973)

L’esorcista (1973) ha sconvolto il pubblico quando uscì al cinema, tanto che diverse persone svennero durante la proiezione. Il reverendo Billy Graham dichiarò che “Si sentiva il potere del male sepolto all’interno del film stesso”. La pellicola è stata vietata in Gran Bretagna per oltre 15 anni.


Non aprite quella porta (1974)

Nonostante il suo status come uno dei più spaventosi film horror di tutti i tempi, Non aprite quella porta (The Texas Chainsaw Massacre) non ha gore visivo. Tobe Hooper, regista del film, pensò che avrebbe ricevuto un rating “PG” dal MPAA alla sua uscita (PG significa: si consiglia la visione ai minori di 10 anni in compagnia di un adulto o di un genitore); invece è stato valutato “R” (Vietato ai minori di 17 anni, non accompagnati dai genitori) ed è stato bannato per brevi periodi in Brasile, Irlanda, Singapore e in Germania per oltre 25 anni.


Le facce della morte (1978)

Le facce della morte è stato vietato in Finlandia, Australia, Norvegia e Nuova Zelanda. E’ stato anche bloccato per il pubblico britannico per quasi 20 anni.


Il tamburo di latta (1979)

Il tamburo di latta ha vinto l’Oscar 1980 come miglior film straniero ma è stato vietato in Ontario e in Oklahoma quando un giudice della corte distrettuale ha ritenuto la pellicola come materiale di pornografia infantile (perché si vede un bambino che abbraccia una donna nuda). Il verdetto è stato ribaltato in appello.


Brian di Nazareth (1979)

Brian di Nazareth (Life of Brian) è considerata dai critici cinematografici come una delle più grandi commedie di tutti i tempi ma è stata bandita per decenni in alcune parti d’Europa. E’ stato vietato perché la gente l’accusava di essere sacrilego.


Cannibal Holocaust (1980)

Cannibal Holocaust (1980) potrebbe prendere gli onori come il film più controverso e più bandito di tutti i tempi. E’ stato vietato in 40 paesi, con il suo divieto nel Regno Unito fino al 2001. Il suo contenuto è talmente scioccante che Ruggero Deodato, regista del film, è stato processato in un tribunale italiano con il sospetto di aver ucciso veramente qualcuno. Anche se ha mostrato gli attori “morti” in tribunale, Deodato è stato multato per crudeltà sugli animali.


L’ultima tentazione di Cristo (1988)

L’ultima tentazione di Cristo è un resoconto avvincente degli ultimi giorni di vita di Gesù Cristo, ed è uno dei pochi film in questa lista ancora vietato in alcune parti del mondo. Il film di Martin Scorsese è stato vietato in Georgia, e continua ad essere vietato in Cile, Filippine e Singapore. Un teatro di Parigi che ha proiettato il film è stato incendiato dai fondamentalisti cristiani in segno di protesta.


Le iene (1992)

Le Iene di Quentin Tarantino è stato così controverso in Gran Bretagna che i censori hanno impedito di farlo uscire su VHS.


Assassini nati – Natural Born Killers (1994)

Il film è stato vietato in Irlanda (anche se il divieto è stato poi revocato). Nominato come gli otto film più controversi di tutti i tempi da Entertainment Weekly, è tornato alla ribalta dopo la strage di Columbine: gli assassini Eric Harris e Dylan Klebold hanno affermato di essere stati ispirati dal film.


The Profit (2001)

The Profit, scritto e diretto da Peter N. Alexander, è uscito al Festival di Cannes nel 2001, ed ha attirato le ire dei membri di Scientology. La distribuzione del film è stata vietata da un tribunale dopo una causa promossa dalla Chiesa di Scientology, anche se il regista ha dichiarato che il film non parlava di quella organizzazione.

http://upload.wikimedia.org/wikipedia/en/9/95/The_Profit_movie_poster.jpg


 

Ernest & Bertram (2002)

Ernest e Bertram (2002) è un cortometraggio che esplora una realtà alternativa in cui Ernie e Bert (di Sesame Street) avrebbero potuto essere amanti gay. Il film è stato un successo al Sundance e all’US Comedy Arts Festival ma Sesame Street non ha gradito, e ha proibito il corto per violazione di copyright.


Grotesque (2009)

Molti Paesi, compreso il Regno Unito, hanno vietato questo horror giapponese di Kôji Shiraishi. Il contenuto violento e sadico lo ha fatto bandire dalla censura inglese ed è attualmente illegale trasmetterlo e distribuirlo nel Paese.


The Human Centipede 2 (2011)

Quando Human Centipede 2 è uscito negli Stati Uniti nel 2011, ci fu una grande polemica ma nessuna censura. Ma la Gran Bretagna e l’Australia non erano d’accordo. In Gran Bretagna il film è stato vietato.


Innocence of Muslims – L’innocenza dei musulmani (2012)

Il film ha attirato così tanto l’attenzione negativa che anche Google ha contemplato il divieto dai suoi risultati di ricerca. Ha scatenato proteste anti-americane in tutto il mondo e non è visibile ai residenti delle Filippine, Russia, Turchia, Brasile e Libano.

Commenta con Facebook!

commenti