Crea sito

Fear the Walking Dead: 10 cose da sapere sullo spin-off

      maggio 19, 2015     Senza categoria, Telefilm     

AMC punta moltissimo su Fear the Walking Dead, l’atteso spin-off di The Walking Dead che debutterà  proprio in estate con sei episodi.

Ecco qui 10 punti più significativi da sapere:

1 – Lo show sarà una storia parallela, non un prequel

Non aspettatevi che Fear the Walking Dead racconti le premesse della serie “madre”: lo show, infatti, coprirà solo parzialmente il periodo temporale in cui Rick Grimes era in coma, e narrerà una storia parallela. «Abbiamo un espediente narrativo che ci permetterà di mantenere i nostri personaggi – la famiglia protagonista – all’oscuro di ciò che sta accadendo».

2 – Non scopriremo le cause dell’apocalisse

Per Robert Kirkman, non sono importanti le cause dell’apocalisse zombie, ma gli effetti che si ripercuotono sulle persone: di conseguenza, lo spin-off non toccherà questo argomento.

3 – I conflitti familiari saranno al centro della narrazione, non gli zombie

Fear the Walking Dead concentrerà l’attenzione sui problemi familiari dei protagonisti, e sui conflitti che essi affrontano indipendentemente dell’apocalisse. Quest’ultima non farà altro che esacerbare la situazione.

4 – Una famiglia allargata

Travis (Cliff Curtis) si è appena trasferito con la sua nuova moglie, Madison (Kim Dickens), che ha già due figli. Uno di loro (Frank Dillane) sta attraversando un periodo difficile. Travis, però, ha anche una ex moglie e un figlio adolescente molto arrabbiato. Lo scopo di questi personaggi sarà riunire tutta la famiglia sotto lo stesso tetto, e paradossalmente riusciranno a farlo grazie all’apocalisse. Ognuno di loro cercherà inoltre di seppellire qualcosa del suo passato, e dovrà scegliere se alimentare il proprio lato oscuro oppure no, prendendo decisioni vitali: in alcuni casi, «fare la cosa giusta è assolutamente la cosa più sbagliata».

5 – La prima stagione non sarà sovraccarica di zombie

Naturalmente gli zombie ci saranno, ma la prima stagione avrà soprattutto una funzione introduttiva, quindi non aspettatevi orde di morti viventi. Al centro della storia ci sarà una minaccia incombente ma invisibile (come lo squalo nel film di Spielberg, per citare l’esempio fatto da Erickson), mentre i personaggi cercheranno di adattare la loro mentalità al nuovo status quo: un mondo in cui i tuoi vicini di casa, i tuoi colleghi di lavoro e i tuoi familiari possono improvvisamente cercare di ucciderti. Ci vorrà del tempo prima che i protagonisti capiscano la situazione; inizialmente, penseranno che gli “aggressori” siano malati o drogati.

6 – Niente CDC, FEMA o Edwin Jenner

In una delle prime stesure del pilot veniva menzionata la Dr.ssa Candace Jenner, moglie di Edwin Jenner, che fu infettata dal virus e donò il suo corpo per la ricerca. Questo riferimento è stato escluso: nella prima stagione non ci saranno né lei né suo marito, né tantomeno il punto di vista del Center for Disease Control o del Federal Emergency Management Agency. La serie non adotterà mai la prospettiva dei burocrati, ma solo quella della gente comune. Non è da escludere, però, che in futuro vengano citati o introdotti i personaggi di Candace o Edwin.

7 – Non compariranno i personaggi della serie “madre”

Al momento non ci sono piani per introdurre qualche personaggio di The Walking Dead nello spin-off, ma l’universo narrativo è ovviamente lo stesso, quindi Erickson non esclude la possibilità che questo avvenga in futuro.

8 – Lo spin-off sarà strutturalmente e tematicamente diverso

Ogni stagione avrà la sua struttura e le sue tematiche, come se fosse ogni volta un romanzo diveso.

9 – Non aspettatevi un nuovo antagonista in ogni stagione

Erickson afferma che lui e gli altri autori stanno pensando ad alcune idee per i “cattivi”, ma l’intenzione è di “interiorizzare” i conflitti il più possibile, come nella dinamica tra Shane e Rick. Non si tratterà di arrivare ogni volta in una nuova “zona sicura” e affrontare un nuovo avversario, come in The Walking Dead. Il dramma sarà interiorizzato, anche per evitare di replicare il modello dello show originale.

10 – Si pensa a 5 o 6 stagioni

Erickson pensa che l’ideale, per Fear the Walking Dead, sarebbe di completare la storia in cinque o sei stagioni. Il numero di episodi per ogni stagione (posto che la prima ne avrà solo 6) potrebbe ammontare a 13.

Commenta con Facebook!

commenti

error: