Crea sito

Assassinio sull’Orient Express, la recensione in anteprima

      novembre 24, 2017     Cinema, Film, Recensione, Senza categoria     

Arriva finalmente nelle sale Assassinio sull’Orient Express, il nuovo e attesissimo adattamento del famoso romanzo di Agatha Christie.

Risultati immagini per assassinio sull'orient express recensione

Il giallo dalla popolarità intramontabile ASSASSINIO SULL’ORIENT EXPRESS segue le vicende del celebre investigatore Hercule Poirot (KENNETH BRANAGH) alle prese con uno dei delitti più efferati di tutti i tempi.

Dopo lo scioccante omicidio di un ricco uomo d’affari sullo sfarzoso treno che sfreccia attraverso l’Europa nel cuore dell’inverno, Poirot deve ricorrere a tutta la sua abilità per scoprire chi nel gruppo eterogeneo di passeggeri è l’assassino, prima che colpisca ancora.

Pubblicato nel 1934, il giallo di Agatha Christie Assassinio sull’Orient Express è considerato uno dei più ingegnosi romanzi mai ideati. Più di ottant’anni dopo la pubblicazione, il libro continua a essere amato da nuove generazioni di lettori. La sorprendente versione proposta da Kenneth Branagh, impreziosita da un cast di acclamate celebrità e da effetti sbalorditivi, rappresenta per gli spettatori un vero e proprio invito a salire a bordo del famoso treno per compiere il viaggio più trepidante della loro vita.

Creare una versione cinematografica dei romanzi di Agatha Christie non è mai facile, eppure la 20th Century Fox ha deciso di affidarsi a un regista classico e teatrale come Kenneth Branagh e gli ha affiancato un cast stratosferico del calibro di Michelle Pfeiffer, Judy Dench, Willem Dafoe, Johnny Depp, Derek Jacobi, Daisy Ridley e Josh Gad. Questi sono gli ingredienti essenziali per far sì che Assassinio sull’Orient Express risulti davvero un grande film.

Immagine correlata

A differenza delle vecchie pellicole in questo caso il regista, Kenneth Branagh, non ha stravolto nulla, ma ha deciso di aggiungere alcuni tocchi di classe: un po’ d’azione, panoramiche suggestive, grandissimi scenari analogici che grazie all’aiuto della computer grafica diventano quasi dei cartoni, le bellissime sequenze di un treno che sfreccia tra la neve e dei dialoghi perfetti. I dialoghi sono la parte fondamentale di qualsiasi libro della Christie e per questo, nel film, sembra che sia stato realizzato un piccolo teatrino per ogni dialogo, un piccolo palco, con tanto di oggetti di scena e uno sfondo significativo.

La mossa più azzeccata è stata quella di affiancare ad un cast già d’eccezione un Hercule Poirot “meno famoso” interpretato dallo stesso Kenneth Branagh. La versione di Poirot in questo film è molto particolare. Ha un aspetto curatissimo, a partire dai suoi lunghi baffi spettacolari che fungono quasi da caricatura, fino all’ossessione dell’imprecisione che in alcuni casi diventa quasi comica. Rispetto ai suoi predecessori il Poirot di Branagh è leggermente più giovane e meno “ciccione” con molti più capelli tendenti al brizzolato (nei romanzi viene descritto con pochi capelli e neri). Kenneth Branagh si muove benissimo nei panni del detective ideato dalla Christie sfornando una prestazione degna di nota.

Risultati immagini

Per quanto riguarda il resto del cast è difficile che qualche personaggio spicchi più di qualche altro ma di alcuni è impossibile non notare il talento. Come ad esempio quello di Caroline Hubbard, di Michelle Pfeiffer e del signor MacQueen di Josh Gad, ma anche Derek Jacobi e lo stesso  Johnny Depp regalano, seppur piccole, delle interessanti interpretazioni che risaltano più di tutte.

Le scenografie che compongono il film sono di rara fattura: dagli sbuffi di fumo al motore del treno, i cumuli di neve ammassati sulle rotaie, il bagliore dell’argento scintillante nella carrozza ristorante. I legni pregiati, il cuoio e le porcellane nella carrozza per Calais. Le bottiglie di Veuve Clicquot stappate e lo champagne versato nei calici. Un colpo di pistola. Il film mostra il famigerato treno fin negli angoli più reconditi. Il telespettatore assaporerà tutti i particolari di un’ambientazione che, ottant’anni fa, ha catturato l’attenzione del mondo. Il tutto accompagnato dalle musiche di Patrick Doyle, a volte sovrastanti rispetto alla scena e spesso di ottimo accompagnamento.

Immagine correlata

In conclusione Assassinio sull’Orient Express è un classico giallo tipico degli anni ’40 come solo Agatha Christie sapeva realizzare. Se amate il genere e in particolare la scrittrice dovete assolutamente guardalo perché il film merita davvero tanto.

VOTO: 9/10


Metti mi piace alla pagina facebook: Crazy for TV Series

Commenta con Facebook!

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

error: